Comune di Guspini

Comune di Guspini

Salta la barra di navigazione e vai ai contenuti

Autunno d'Autore 2017

APPROFONDIMENTI

 Poster2017

Autunno d'Autore 217 - Dedicato a Grazia Deledda

7 novembre 2017

Venerdì 10 novembre si terrà il secondo appuntamento del calendario “Autunno d’Autore dedicato a Grazia Deledda”, organizzato dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Guspini, in collaborazione con la Proloco e il Sistema bibliotecario Monte Linas.
Quasi Grazia
di Marcello Fois
con Lia Careddu, Valentino Mannias e Cristina Maccioni
h 18, Case a Corte di via Caprera - Guspini

“Quasi Grazia” è un reading letterario interpretato per l’occasione da Lia Careddu, Valentino Mannias e Cristina Maccioni, tratto dall’omonimo libro di Marcello Fois divenuto uno spettacolo teatrale dedicato a Grazia Deledda e che, dopo le date di Nuoro e Cagliari, i giorni scorsi è stato presentato con successo al Teatro Puccini di Firenze.

Marcello Fois illumina tre momenti decisivi della vita dell’autrice di Canne al vento, consegnandoci una storia di vocazione imbattibile, di tenacia assoluta, di fede cieca nel potere della scrittura. Un omaggio appassionato a un’autrice che letta oggi rivela tutta la sua dirompente contemporaneità.

“Decidere di parlare della Deledda è un atto che può avere del temerario. Specialmente per uno scrittore, specialmente per uno scrittore nuorese. L’ipotesi poi di parlarne portandola in scena rasenta la follia se è vero che il teatro è un medium impietoso e rituale. La mia idea, direi la mia ossessione, era che di questa donna, tanto importante per la cultura letteraria del nostro Paese, bisognasse rappresentare la carne. Come se fosse assolutamente necessario non fermarsi a una rievocazione “semplicemente” letteraria, quanto di una rappresentazione vivente. I grandi scrittori, i grandi artisti sopravvivono. Questa Deledda non morta, che agisce, pensa, soffre, commenta, mi pareva una Deledda assai più efficace, sul piano della restituzione di quanto potesse fare qualunque romanzo o racconto. Volevo che la si sentisse parlare. Volevo che la si vedesse muovere. Volevo che si constatasse nei fatti per quali vie uno scrittore, seppure biologicamente morto, possa considerarsi vivente e agente. In un mondo migliore per questo esercizio basterebbe l’educazione alla lettura, l’idea che il traguardo di uno scrittore, e il Nobel è un traguardo notevole, rappresenti un traguardo del lettore, ma, considerando che Grazia Deledda non è nemmeno compresa nel canone ministeriale, pur essendo a tutt’oggi l’unica donna italiana ad avere ricevuto l’ambito premio, è evidente che siamo lontanissimi dall’abitare una civiltà letteraria matura.
Perciò ho deciso che la via migliore per riportare la Deledda al posto che le spetta era quella del rito vivente attraverso il quale da millenni rievochiamo fatti e senso collettivamente. Il teatro è un territorio potente. Un falso/vero attraverso il quale si rappresenta la sostanza senza passare dalla retorica della sostanza. Questa Deledda in carne ed ossa rifiuta il luogo comune di sé stessa.”
[Marcello Fois]

GLI ATRI EVENTI IN PROGRAMMA

10 novembre
h 18:00 - Letture dal testo “Quasi Grazia”, con Lia Careddu e Valentino Mannias
Case a Corte

24 novembre
h 18:00 – Proiezione cortometraggi dedicati alla Giornata mondiale contro la violenza sulle donne
A seguire
Il linguaggio della violenza”, incontro-dibattito a cura delle Associazioni XConoscereXFare, Arci
Guspini e LiberaMente noi
… insieme per Crescere – Case a Corte

1 dicembre
h 18:00 - Incontro con Francesco Abate e Carlo Augusto Melis per la presentazione del romanzo “Il
Corregidor
” (Piemme) - Letture a cura di Giacomo Casti – Biblioteca comunale “Sergio Atzeni”

7 dicembre
h 18:00 – “La Grazia
Reading concerto su Grazia Deledda, con Chiara Effe e Paola Atzeni – Case a Corte

Cenàbara 10 de Donniasantu nc’est su de duus atóbius de su calendàriu “Autunno d’Autore” dedicau a Grazia Deledda, oraganizau de s’Assessorau a sa Cultura de su Comunu de Gùspini, imparis cun sa Proloco e su Sistema Bibliotecàriu Monte Linas.
“Quasi Grazia” de Marcello Fois cun Lia Careddu, Valentino Mannias e Cristina Maccioni.
h. 18,00 (ses de a merí) est una letura interpretada po s’ocasioni de Lia Careddu, Valentino Mannias e Cristina Maccioni, tirada de su líbburu de Marcello Fois, chi tenit su matessi títulu, chi est bessiu unu sprantàculu teatrali dedicau a Grazia Deledda e chi, apustis de is datas de Nùgoro e de Casteddu, is dís passadas est stétiu presentau cun agradessimentu mannu in su Teatru Puccini de Firenze.
Marcello Fois ponit in luxi tres momentus detzisivus de sa vida de s’autora de “Canne al vento” intreghendusí una stória de vocatzioni imbatíbbili, de tostorrudesa assoluta, de fedi tzurpa in su poderi de sa scritura. Unu donu apassionau a un’autora chi lígia in dí de oi ammostat totu sa atualidadi forti cosa sua.

“ Fueddai de sa Deledda podit essi un’atrivimentu. Pruscatotu po unu scritori e in manera particulari po unu scritori nugoresu. In prus sa bidea de ndi fueddai portendidda in scena est giai unu machímini, si est berus chi su teatru est unu médiu chentza de piedadi e rituali. Sa bidea cosa mia, ia a nai s’ossessioni mia, fiat chi de custa fémmina, de importu mannu po sa cultura literària de su Paisu cosa nosta, tocàt a ndi ammostai sa carri. Cumenti si nci fiat abbisóngiu de non si firmai a un’arremonadura “sceti” literària, ma prus a prestu de un’arrapresentatzioni biventi. Is grandus scritoris, is grandus artistas subrabivint. Custa Deledda non morta, chi agiscit, pentzas, sunfrit, cummentat, mi pariat una Deledda prus de profetu, in su pranu de sa torradura de su chi podiat fai calisisiat arromanzu o contu. Bolia chi dda intendiant fueddendu. Bolia chi dda biant movendusí. Boliat chi si averiguat in is fatus peri calis médius unu scritori, mancai mortu, si podit cunsiderai biventi e agenti. In unu mundu mellus, po cust’esertzítziu iat a bastai s’educatzioni a sa letura, sa bidea chi sa tarea de unu scritori, e su Nobel est una tarea bastanti manna, est sa matessi de su letori, ma cunsiderendu chi Grazia Deledda non est inclúdia nimmancu in su cànoni ministeriali, mancai in dí de oi siat s’única fémmina italiana a ai arriciu custu prémiu disigiau, est craru chi seus atesu de bivi in una sotziedadi literària scienti.
Po custu apu detzídiu chi su mellus médiu po ponni a Grazia Deledda in su logu chi merescit fiat su de su ritu biventi, chi de unus milli annus si permitit de torrai a arremonai fatus e santidus totus imparis. Su teatru est unu territóriu potenti. Unu frassu/berus chi permitit de arrapresentai sa sustàntzia chentza de passai peri sa retórica de sa sustàntzia. Custa Deledda in prupas e ossus arrefudat su logu comunu de issa etotu. (Marcello Fois).

ÀTERUS ACONTÉSSIUS IN PROGRAMMA.

10 de Donniasantu
h. 18,00 – Leturas de su líbburu “Quasi Grazia”, cun Lia Careddu e Valentino Mannias – Domus a Corti;
24 de Donniasantu
h.18,00 – Proietzioni cortometràgius dedicaus a sa giornada mundiali contras a sa violéntzia asuba de is fémminas, a sighiri “Il linguàgiu de sa viléntzia”, atóbiu – dibbata a incuru de is Assótzius “XconoscereXfare”, “Arci Guspini” e “LiberaMente noi …” impari po Cresci – Domus a Corti;
1 de Meseidas
h. 18,00 – Atóbiu cun Francesco Abate e Carlo Augusto Melis po sa presentala de s’arromanzu “il Corregidor” (piemme) – Leturas a incuru de Giacomo Casti – biblioteca comunali “Sergio Atzeni”;
7 de Meseidas
h.18,00 – “La grazia”, letura cuntzertu asuba de Grazia Deledda, cun Chiara Effe e Paola Atzeni – Domus a Corti.
 

Altre notizie - Archivio

Comune di Guspini - via Don Minzoni, 10 - 09036 Guspini (VS) | protocollo@pec.comune.guspini.vs.it | p.iva 00493110928 | Credits | ConsulMedia 2009 |