Comune di Guspini

Comune di Guspini

Salta la barra di navigazione e vai ai contenuti

IUC

I.U.C.  - Imposta Unica Comunale

Istituzione del tributo
L’ Imposta Unica Comunale - IUC - è stata introdotta con il comma 639 dell’art. 1 della legge 27 dicembre 2013, n. 147 e si basa su due presupposti impositivi: il primo costituito dal possesso di immobili e collegato alla loro natura e valore, il secondo relativo all’erogazione e alla fruizione di servizi comunali.

Composizione del tributo
La IUC (Imposta Unica Comunale) è composta da :
- IMU (imposta municipale propria) componente patrimoniale, dovuta dal possessore di immobili, escluse le abitazioni principali
- TASI (tributo servizi indivisibili) componente servizi, a carico sia del possessore che dell’utilizzatore dell’immobile, per servizi indivisibili comunali
- TARI (tributo servizio rifiuti) componente servizi destinata a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, a carico dell’utilizzatore.
 

I codici tributo per l’Imu
I codici tributo riservati all'Imu, per il pagamento mediante modello F24, sono:
3912 - Imu - abitazione principale e relative pertinenze (destinatario il Comune)
3913 - Imu - fabbricati rurali ad uso strumentale (destinatario il Comune)
3914 - Imu - terreni (destinatario il Comune)
3916 - Imu - aree fabbricabili (destinatario il Comune)
3918 - Imu - altri fabbricati (destinatario il Comune)
3925 - Imu - fabbricati di cat. D (destinatario lo Stato)
3930 - Imu - fabbricati di cat. D (destinatario il Comune)

I codici tributo per la Tari
I codici tributo riservati alla Tari, per il pagamento mediante modello F24, sono:
3944 - Tari - tassa sui rifiuti 
3945 – Tari - interessi
3946 – Tari - sanzioni

I codici tributo per la Tasi
I codici tributo riservati alla Tasi, per il pagamento mediante modello F24, sono: 
3958 – Tasi, abitazione principale e relative pertinenze
3959 – Tasi, fabbricati rurali ad uso strumentale
3960 – Tasi, aree fabbricabili
3961 – Tasi, altri fabbricati
3962 – Tasi, interessi
3963 – Tasi, sanzioni


Scadenze dei pagamenti

IMU: 16 giugno e 16 dicembre di ogni anno in autoliquidazione

TARI: piano delle rateizzazioni stabilite con delibera. C.C. n.35/2014 
rata n.1 - scadenza 31 ottobre 2014 
rata n.2 - scadenza 30 novembre 2014
rata n.3 - scadenza 31 gennaio 2015
rata n.4 - scadenza 28 febbraio 2015
Il pagamento in unica soluzione può essere effettuato entro il 28 febbraio 2015
I modelli di pagamento F24 verranno inviati agli utenti al proprio indirizzo di residenza.

TASI: 16 giugno e 16 dicembre di ogni anno in autoliquidazione
Per i Comuni che non hanno assunto le deliberazioni TASI entro il 23 maggio, tra cui il comune di Guspini, il versamento della prima rata TASI è posticipato al 16 ottobre 2014.  

Modalità di pagamento IMU e TASI per i cittadini italiani residenti all'estero (A.I.R.E.)
I versamenti Imu e Tasi possono essere effettuati tramite bonifico direttamente in favore di Comune di Guspini servizio tesoreria ( codice BIC BPMOIT22XXX), utilizzando il codice IBAN IT89L0101543900000070188769.

La copia di entrambe le operazioni deve essere inoltrata al Comune per i successivi controlli.

Come causale dei versamenti devono essere indicati:
• il codice fiscale o la partita IVA del contribuente o, in mancanza, il codice di identificazione fiscale rilasciato dallo Stato estero di residenza, se posseduto;
• la sigla "IMU" o "TASI", il nome del Comune ove sono ubicati gli immobili e i relativi codici tributo;
• l'annualità di riferimento;
• l'indicazione "Acconto" o "Saldo" nel caso di pagamento in due rate.  
 
- per la quota riservata allo Stato (IMU su fabbricati di cat. D), i contribuenti devono effettuare un bonifico direttamente in favore della Banca d'Italia (codice BIC BITAITRRENT), utilizzando il codice IBAN IT02G0100003245348006108000.


Abitazione principale - casi particolari
Per abitazione principale si intende l'immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unita' immobiliare con categoria catastale A1, A/2, A/3, A/4, A/5, A/6, A/7, A/8, A/9, nel quale il possessore e il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente. Nel caso in cui i componenti del nucleo familiare abbiano stabilito la dimora abituale e la residenza anagrafica in immobili diversi situati nel territorio comunale, le agevolazioni per l'abitazione principale e per le relative pertinenze in relazione al nucleo familiare si applicano per un solo immobile.
Per pertinenze dell'abitazione principale si intendono esclusivamente quelle classificate nelle categorie catastali C/2, C/6, C/7, nella misura massima di tre unità, una per ciascuna delle categorie catastali indicate, anche se iscritte in catasto unitamente all'unità ad uso abitativo. Ciò significa che, nel caso in cui una pertinenza, ad esempio una cantina, sia accatastata unitamente all'unità ad uso abitativo il contribuente può applicare l’agevolazione prevista per tali fattispecie solo ad altre due pertinenze classificate in categoria catastale C/6 o C/7.

Inoltre, non sono richieste le condizioni della dimora abituale e della residenza anagrafica ai fini dell'applicazione della disciplina in materia di TASI concernente l'abitazione principale e le relative pertinenze, a un unico immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, posseduto, e non concesso in locazione, dal personale in servizio permanente appartenente alle Forze armate e alle Forze di polizia ad ordinamento militare e da quello dipendente delle Forze di polizia ad ordinamento civile, nonché dal personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, e, fatto salvo quanto previsto dall'articolo 28, comma 1, del decreto legislativo 19 maggio 2000, n. 139, dal personale appartenente alla carriera prefettizia.

In caso di separazione o di divorzio e, comunque, in caso di cessazione degli effetti legali del matrimonio, l’IMU è dovuta dall’assegnatario dell’immobile in quanto l’assegnazione si intende effettuata a titolo di diritto di abitazione.
 

Riduzione del 50% sulla base imponibile
Si applica la riduzione del 50% della base imponibile nei seguenti casi:
a) fabbricati di interesse storico e artistico di cui all’articolo 10 del Codice di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42;
b) fabbricati dichiarati inagibili o inabitabili e di fatto inutilizzati, limitatamente al periodo dell’anno durante il quale sussistono dette
condizioni.

 

A chi rivolgersi
Servizio Entrate
Via Torino, 6 - piano primo
Tel.: 070 9760-301/302/303 - Fax: 070 970180
e-mail: settore.entrate@comune.guspini.vs.it

Orari di apertura al pubblico:
Mattino: dal Lunedì al Venerdì dalle 10.30 alle 13.00
Pomeriggio: Martedì e Giovedì dalle 16,30 alle 17.30


programma di calcolo IMU e TASI

 

 

Notizie tematiche

Tasi

14 giugno 2017 - Scadenza IMU e TASI 2017

Il 16 giugno scadono i termini per il pagamento dell'acconto IMU e Tasi (Tributo Servizi Indivisibili) dovuta per il comune di Guspini. ... Leggi: Scadenza IMU e TASI 2017

Modulistica

09 gennaio 2017 - Scadenza tasse e tributi comunali

Il 31 gennaio è il termine ultimo di pagamento della tassa di occupazione suolo pubblico (TOSAP) e dell'imposta sulla pubblicità relativa a esposizioni con pagamento annuale, entrambe per l'anno 2017. ... Leggi: Scadenza tasse e tributi comunali

30 novembre 2016 - Scadenza IMU e TASI 2016

Il 16 dicembre scadono i termini per il pagamento del saldo IMU e Tasi (Tributo Servizi Indivisibili) dovuta per il comune di Guspini. ... Leggi: Scadenza IMU e TASI 2016

 

Comune di Guspini - via Don Minzoni, 10 - 09036 Guspini (VS) | protocollo@pec.comune.guspini.vs.it | p.iva 00493110928 | Credits | ConsulMedia 2009 |